Il tradimento


Ci avviamo verso la conclusione degli articoli legati alla relazione di coppia. Non si può non parlare di una delle situazioni più incresciose che capita troppo spesso di dover affrontare stando in coppia: il tradimento.

Vediamo l'etimologia: dal lat. tràdere - dare, consegnare, mettere in mano. Il significato è diventato mancar di fede altrui, usar frode contro colui che si fida.


Usar frode contro colui che si fida.


Osserviamo:

tra due persone si crea un legame di fiducia, che abbiamo visto un paio di settimane fa come si crea; un patto, una dichiarazione di intenti. Ad un certo punto, uno dei due infrange questo patto e si crea un tradimento.


Il tradimento non è soltanto una questione sessuale, anzi. Infatti nella coppia si può tradire l'altro in tantissime maniere. D'altronde è tradire la fiducia, non “mettere le corna”. Anche perché ci sono coppie che sono chiamate “aperte” e in quel caso, questo tipo di tradimento, non è contemplato.

Ma quali sono i casi in cui si può tradire la fiducia, cioè il patto, dell'altro?


Tutto si basa sui valori che entrambi hanno e le conseguenti credenze associate. Il tradimento è in fin dei conti questo, tradire i valori in cui entrambi hanno riposto fiducia.

  1. Il primo valore che mi viene in mente si possa tradire è il rispetto. Ma cosa si intende effettivamente per rispetto? Ne parlerò più avanti in un articolo a lui dedicato, ma la parola rispetto significa “Sentimento e atteggiamento di riguardo, di stima e di deferenza, devota e spesso affettuosa, verso una persona” oppure “Sentimento che porta a riconoscere i diritti, il decoro, la dignità e la personalità stessa di qualcuno, e quindi ad astenersi da ogni manifestazione che possa offenderli”. Questa seconda definizione è quella più calzante per la coppia. Ledere il decoro, i diritti, la dignità e la personalità della persona con cui stiamo. Causar violenza, umiliare, manipolare, schernire, giudicare, insultare: questo è mancare di rispetto. Nelle coppie italiane questo avviene molto, troppo spesso.

  2. Il secondo valore che spesso viene tradito è l'onestà. “L’Onestà è la qualità interiore di chi si comporta con lealtà, rettitudine e sincerità, in base a dei principi morali ritenuti universalmente validi” Io ti sono leale cioè mantengo la parola data, mi comporto in maniera corretta e ti sono sincero. Questo è un valore che vale nella società, figuriamoci all'interno di una relazione di coppia! Dire bugie, tramare alle spalle, cambiare il mio comportamento ogni 5 minuti, dire una cosa e farne un'altra. Queste sono tutte cose che fanno parte del tradimento.

  3. Il terzo valore tradito è la libertà. “La facoltà di pensare, di operare, di scegliere a proprio talento, in modo autonomo; cioè, in termini filosofici, quella facoltà che è il presupposto trascendentale della possibilità e della libertà del volere, che a sua volta è fondamento di autonomia, responsabilità e imputabilità dell’agire umano nel campo religioso, morale, giuridico”. In altri termini riuscire ad indirizzare il proprio Essere, la propria vita, seguendo quelle che sono le nostre inclinazioni, i nostri voleri, le nostre attitudini. Controllare la vita dell'altro, manipolarlo affinché faccia ciò che voglio io, ricattare “se non fai questo io ti lascio”, limitare l'espressione, il divertimento, le frequentazioni, ma anche le possibilità di lavoro o di studio o di crescita personale.

Tutti questi comportamenti citati, ahimé, vengono più o meno accettati, accolti dalle varie persone. Non gli viene data la giusta importanza, spesso l'unica cosa che non si tollera è il tradimento fisico.

Il tradimento fisico, è sicuramente una componente importante, anche perché all'interno di una relazione di coppia, il sesso, vale da solo tra il 30 e il 50%.

Ma perché si tradisce fisicamente?

Spesso ho sentito dire “io amo la persona con cui sto, ma ho voglia di andare fisicamente con altre persone”.

Probabilmente all'interno della relazione ci sono dei problemi non affrontati, mancanza di dialogo, mancanza di complicità, mancanza di voglia di soddisfare i desideri dell'altro (per qualsivoglia motivo). Così si cerca lo sfogo all'esterno. Questo generalmente è un comportamento imputabile alla componente maschile dell'essere umano (non importa se parliamo di uomini o di donne). Anche perché la componente femminile (anche qui non vale per entrambi i sessi) tende più a lasciare per andare con il nuovo partner.

Ovviamente se non espresso diversamente, anche mettere le corna è tradimento.


Qual è la soluzione al tradimento?

Il dialogo!


Sì, parlare. Creare un dialogo. Parlare di tutto, potersi aprire liberamente con l'altro. Esprimere come ci si sente, quali sono i propri bisogni, i propri desideri e ogni cosa che riguarda il proprio Essere.

Se poi avete trovato una persona(I latini definirono persona, da per - sonàr, risuonare attraverso, la maschera di legno portata sempre sulla scena degli attori nei teatri dell'antica grecia e d'Italia, nella quale i tratti del viso erano esagerati, perché potessero essere meglio rilevati dagli spettatori e la bocca era fatta in modo da rafforzare il suono della voce, cosa resa necessaria dalla vastità degli antichi teatri), invece che un essere umano, l'importante è accorgersene e lasciare andare..Il tradimento è forse il peggior male che si può fare all'interno di una relazione di coppia!

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Canzone della Gioia